Santo Domingo (Repubblica Dominicana): Quando andare e cosa vedere

con 1 commento

Santo Domingo, capitale della Repubblica Dominicana e primo insediamento eretto dai conquistadores. Spesso chi affronta un viaggio nelle isole caraibiche è alla ricerca di mare cristallino e spiagge da cartolina, ma visitare questa città, può rappresentare un’interessante alternativa al turismo “all inclusive” dei lussuosi resort. In questo articolo scopriamo quando andarecosa vedere a Santo Domingo per organizzare al meglio la vostra visita in questa caotica capitale.



Santo Domingo: la capitale della Repubblica Dominicana

Prima di scoprire quando andarecosa vedere a Santo Domingo, conosciamo meglio questa capitale ricca di storia, di musica e colori ma non esente dalle contraddizioni generate da ricchezza e povertà.

Informazioni generali su Santo Domingo

Situata al centro della costa meridionale della Repubblica Dominicana ed affacciata sul mar dei caraibi, Santo Domingo fu il primo centro abitato di fattura europea nonché prima colonia spagnola nel nuovo mondo. Deve il proprio nome al giorno della fondazione (5 agosto 1498) che coincideva con l’omonimo Santo e spesso, con il nome di Santo Domingo, viene erroneamente identificata tutta la Repubblica Dominicana mentre ne è solo la capitale.

Diversamente da molte altre località del paese, qui il turismo non è di natura prettamente balneare e per trovare le prime spiagge dove non ci sia in vigore il divieto di balneazione bisogna uscire per qualche Km lungo le coste della città. Santo Domingo offre invece diverse attrazioni tra cui la sua zona coloniale inserita tra i siti UNESCO patrimonio dell’umanità e ricca di monumenti e musei, il Malecón (lungomare) dove poter trovare ristoranti e locali per tuffarsi nella movida dominicana e provare sapori e  ritmi caraibici e molti altri siti di sicuro interesse che troverete più avanti in questa guida.

Ad onor del vero va anche detto che uscendo dai quartieri più turistici c’è anche una Santo Domingo che vive di un disagio sociale e di povertà, l’altra faccia della medaglia rappresentata dai “barrios” dove non è consigliato addentrarsi se non accompagnati da persone del posto ed una delle parole più utilizzate è “atracar” (rapinare). Questo non lo troverete sui dépliant delle agenzie,  quindi consiglio sempre massima attenzione se decidete di girare liberamente al di fuori delle “rotte turistiche”.



Prima di Partire: organizzare il viaggio a Santo Domingo

Sia che Santo Domingo sarà la vostra destinazione definitiva o che siate invece diretti verso altre destinazioni della Repubblica Dominicana e la capitale rappresenta solo una tappa del vostro itinerario, vediamo cosa può esservi utile per organizzare il viaggio.

Quando andare a Santo Domingo: la scelta del periodo migliore

Ogni volta che si affronta un viaggio come questo c’è sempre l’incognita meteo da valutare. Per decidere quando andare a Santo Domingo, premettendo che non esiste mai certezza assoluta riguardo al periodo dove trovare sicuramente il bel tempo, le statistiche ci vengono incontro indicandoci la probabilità di pioggia. Come mostra il grafico delle precipitazioni, i mesi più indicati per andare a Santo Domingo sono da Dicembre ad Aprile.

Santo Domingo | Quando Andare
Quando andare a Santo Domingo – Repubblica Dominicana | Grafico precipitazioni



Ti piace viaggiare sicuro? No problem… ci sono le assicurazioni viaggio

Se preferite viaggiare senza preoccuparvi degli imprevisti che che ci possono cogliere impreparati durante un’esperienza in un paese lontano come la Repubblica Dominicana, potete prendere in considerazione un’ assicurazione sanitaria e annullamento viaggio.

Columbus Direct, offre uno tra i migliori prodotti assicurativi nel mercato italiano delle polizze viaggio in termini di rapporto qualità/prezzo. I loro prodotti sono stati già scelti da oltre 1 milione di clienti e continuano a crescere e a migliorare la loro offerta.

Attraverso il sito allianz-assistance.it, Allianz Global Assistance si rivolge direttamente al viaggiatore, mettendo a disposizione dei pacchetti assicurativi studiati ad hoc che permettono di tutelarsi in svariate situazioni problematiche: malattie e infortuni in viaggio, assistenza sanitaria, annullamento  del viaggio, perdita del bagaglio..e tanto altro.

AXA Assistance, società del gruppo AXA, è specializzata nell’Assistenza e nell’Assicurazioni Viaggi.  Offre tre diversi prodotti a seconda del livello di protezione desiderato. Dall’ Assistenza in viaggio e rimborso spese mediche alla copertura contro l’annullamento/rinuncia del viaggio, infortuni di volo, viaggio, ritardo aereo, responsabilità civile contro terzi, perdita o furto bagaglio.



La scelta del volo: come arrivare a Santo Domingo

L’aeroporto di Santo Domingo (Las Americas – SDQ) è situato 20 km ad est della capitale ed è uno degli aeroporti più trafficati dei Caraibi. Una volta sbarcati preparatevi a pagare una tassa turistica (10€ circa) appena prima di passare dai controlli doganali per apporranno il timbro d’ingresso al passaporto. Una volta ritirati i bagagli potete raggiungere il vostro Hotel prendendo un taxi (clicca per conoscere i costi)



Hotel & Resort a Santo Domingo: dove dormire

Bene, a questo punto dovrebbe mancare solo un Hotel/Resort per completare le operazioni preliminari e dedicarsi unicamente a vivere appieno il vostro viaggio a Santo Domingo. Le zone con maggiore concentrazione di strutture ricettive sono senza dubbio la Zona Coloniale ed il Malecón che offrono diverse soluzioni che vanno dallo spartano all’extra-lusso.

Santo Domingo (Repubblica Dominicana) | Dove dormire
Santo Domingo (Repubblica Dominicana) | Dove dormire



Cosa vedere a Santo Domingo città: La Zona Colonial

La Zona Colonial di Santo Domingo rappresenta il principale luogo d’interesse della capitale e racchiude quasi tutti i più importanti monumenti della città. Se non sapete cosa vedere e siete alla ricerca dei pricipali siti da visitare,questo paragrafo vi indica uno per uno i principali monumenti della Zona Colonial.



La puerta del conde: visitare Santo Domingo e la sua storia

Di grande significato storico tra le cose da vedere è l’ntica porta d’accesso alla città di Santo Domingo che deve il suo nome a Don Bernardino de Meneses Bracamonte y Zapata, Conte di Peñalba che giudò la difesa contro l’invasione inglese del 1655. Qui venne stilato l’atto d’indipendenza della Repubblica Dominicana il 27 febbraio 1844 e venne issata per la prima volta la bandiera nazionale. Oggi rappresenta una sorta d’igresso alla Zona Colonial.

 La Puerta del Conde | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
La Puerta del Conde | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Cosa vedere a Santo Domingo città: el conde

Strada pedonale che dalla Puerta del Conde taglia in due la Zona Colonial di Santo Domingo. In questa passeggiata troviamo una concentrazione di negozi e locali come in nessun altro posto della città. Impossibile non notare i coloratissimi quadri esposti ai lati di questa movimentata Calle che la rendono ancor più caratteristica.

El Conde | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
El Conde | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Catedral Primada de América e Parque Colòn

Spesso le grandi opere che la Chiesa ha saputo costrure rappresentano anche i centri culturali e turistici delle città che le ospitano e Santo Domingo non è immune da questa regola. Cosa visitare dunque se non la cattedrale più antica delle americhe? La Zona Colonial ospita questo Duomo la cui  costruzione iniziò nel 1514 e fu consacrata una cattedrale nel 1540. Lo stile gotico ed un pizzico di rinascimentale italiano si mescolano a formare questa antica chiesa.

Accanto alla cattedrale troviamo il Parque Colòn che in realtà più che un parco può considerarsi un piazzale dominato dalla statua di Cristoforo Colombo e circondato da caffetterie, palazzi dell’epoca coloniale ed alberi che fanno ombra alle panchine situate al di sotto degli stessi.

Catedral Primada de América e Parque Colòn | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Catedral Primada de América e Parque Colòn | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Fortaleza Ozama: Caserma e carcere della Zona Colonial

Aperta al pubblico dagli anni ’70, oggi questa fortezza è tra i siti più visitati della Zona Colonial e deve il proprio nome alla posizione in cui è stata costruita, alla confluenza tra il Rio Ozama con il mar dei caraibi. Si tratta del più antico edificio militare dell’epoca coloniale e nei secoli ha visto il susseguirsi delle varie dominazioni straniere da cui è stata utilizzata come caserma e prigione. Nel piazzale interno spicca la Torre del Homenaje dalla quale è possibile godere di una bella vista su Santo Domingo città.

Fortaleza Osama | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Fortaleza Osama | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Museo de las Casas Reales: il museo più interessante di Santo Domingo città

Il Museo de las Casas Reales è davvero interessante sia dal punto di vista storico che per la qualità e la varietà degli oggetti esposti. Allestito in un palazzo di stile rinascimentale che ha ospitato le più importanti istituzioni governative dell’epoca coloniale, oggi possiamo ammirare diversi oggetti e diverse collezioni, tutte esposte nelle sale accuratamente restaurate per rendere la visita a questo museo della Zona Colonial un salto nel passato.

Nel piazzale antistante al museo, altra cosa caratteristica da vedere è il Reloj del Sol,  una meridiana utilizzata dai signori del palazzo per leggere l’ora affacciandosi alla finestra.

Museo de las Casas Reales | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Museo de las Casas Reales | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Alcazar de Colón: La residenza della famiglia Colombo tutta da vedere

Edificio progettato in stile gotico-mudèjar che fu residenza di Diego Colombo, figlio di Cristoforo. Dopo essere stato lasciato dalla famiglia Colombo, questo palazzo che oggi è un icona di Santo Domingo città, ha subito un lento declino: prigione, deposito ed in fine discarica, solo nella seconda metà del ‘900 ha subito diversi interventi di restauro che l’hanno riportato ai fasti di un tempo. Oggi è possibile visitare questo edificio della Zona Colonial ed il museo che ospita molti oggetti appartenuti alla famiglia Colombo.

Alcazar de Colón | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Alcazar de Colón | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Panteón Nacional: Il mausoleo di Santo Domingo città

Questo edificio sorto nel 1747 naque come chiesa gesuita ma fu poi adibito anche a deposito di tabacco e teatro fino al 1958 da quando svolge l’attuale funzione. Presenta una facciata in stile neoclassico costruita, come del resto tutto il restante edificio, con blocchi di pietra calcarea. Al suo interno sono esposti diversi sepolcri di marmo in cui sono conservate le spoglie di varie personalità illustri del paese. Molto suggestivi sono i giochi della luce del sole che filtra dalle vetrate rendendo questo mausoleo ancora più caratteristico.

Molto probabilmente vi imbatterete in improvvisate guide che cominceranno a darvi spiegazioni in spagnolo anche se non lo avete richiesto, quindi, se non siete disposti ad allunfgare una mancia, non mostratevi interessati.

Panteón Nacional | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Panteón Nacional | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Cosa vedere ancora? Iglesia de Nuestra Señora de las Mercedes

Abbattuta varie volte da terremoti ed uragani, questa chiesa della Zona Colonial ha resistito nel tempo grazie ai continui interventi di ricostruzione e restauri. Nella sua storia ha subito anche un saccheggio da parte del famoso corsaro Francis Drake che la depredò di molte opere da essa custodite. In questa chiesa barocca è possibile vedere un particolarissimo pulpito sostenuto da un demonio scolpito in forma di serpente.

Iglesia de Nuestra Señora de las Mercedes | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Iglesia de Nuestra Señora de las Mercedes | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Ruinas de San Francisco: forza della natura vs Zona Colonial

Anche la forza della natura che si abbatte contro l’operato dell’uomo è capace di regalarci interessanti siti da inserire nella nostra lista del “cosa vedere” a Santo Domingo città. Del monastero di San Francesco oggi non rimane che un suggestivo complesso di rovine in seguito ad un violento uragano che lo distrusse quasi completamente.

Ruinas de San Francisco | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Ruinas de San Francisco | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Ruinas del Hospital San Nicolàs de Barì: il primo ospedale del nuovo mondo

In questo sito della Zona Colonial è possibile visitare ciò che rimane del primo ospedale del nuovo mondo i cui lavori cominciarono nel 1503. Anche su questo edificio notiamo l’impatto degli uragani ed i terremoti che nei secoli si sono abbattuti su Santo Domingo città. La struttura ha comunque retto fino agli inizi del 1900 quando un ennesimo uragano distruttivo ne rese molte parti pericolanti ed inagibili ed il governo decise di abbatterle trasformando l’ospedale in rovine che oggi sono tra le cose da vedere in questa capitale caraibica.

Ruinas del Hospital San Nicolàs de Barì | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Ruinas del Hospital San Nicolàs de Barì | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Museo del Duarte: omaggio della Zona Colonial al padre della Repubblica

Questa casa-museo rappresenta l’omaggio di Santo Domingo città ad uno dei padri fondatori della Repubblica Dominicana. Qui infatti nacque Juan Pablo Duarte e nella stanze di questa casa sono conservati svariati documenti ed oggetti che ripercorrono la vita politica di uno dei personaggi di spicco che hanno fatto la storia di questo paese.

Museo del Duarte | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Museo del Duarte | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Altre cose da vedere a Santo Domingo

Cosa vedere a Santo Domingo spostandoci al di fuori dalla Zona Colonial? Anche nella parte più moderna della città possiamo trovare interessanti attrazioni turistiche da visitare. Scopriamo quali sono.

Palacio Nacional: La casa del Presidente della Repubblica Dominicana

Il Palazzo Nazionale è la residenza ufficiale del Presidente della Repubblica Dominicana e sede del potere esecutivo del paese. La sua costruzione iniziò il 27 Febbraio del 1944 in occasione del primo centenario della Repubblica e fu inaugurato il 16 Agosto 1947. Il progetto fu realizzato dall’architetto italiano Guido D’Alessandro che si ispirò agli stili Vittoriano e Rinascimentale Italiano con influenze di Neoclassico e Barocco.

Probabilmente questo palazzo farà tornare alla vostra mente la più famosa Casa Bianca di Washington ma durante il vostro tour alla scoperta di cosa vedere a Santo Domingo sarà facile notare che i nomi delle principali strade della capitale sono continui richiami agli States.

Palacio Nacional | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Palacio Nacional | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Cosa vedere a Santo Domingo: Faro a Colòn

Situato sulla sponda orientale del Rio Ozama, questo faro dedicato a Cristoforo Colombo fu inaugurato nel 1992 per il cinquecentenario della scoperta delle americhe e presenta una pianta a forma di croce. A vederlo da fuori ricorda più un carcere che un vero e proprio monumento ma nonostante il suo discutibile guscio esterno, il Faro a Colòn resta un interessante luogo d’interesse di Santo Domingo città grazie al suo museo in cui è possibile ripercorrere i viaggi di Colombo e scoprire interessanti nozioni sulle popolazioni indegene dell’era precolombiana.

Il faro, grazie alle potenti illuminazioni installate sul suo tetto, è in grado di proiettare una luminosissima croce nel cielo, ma lo spettacolo non avviene spesso in quanto il fabbisogno elettrico per creare questo effetto crea blackout in tutta la città.

Faro a Colòn | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Faro a Colòn | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Los Tres Ojos: i tre occhi di Santo Domingo Città

Non distante dal faro troviamo questo sito naturalistico formato da tre piccoli laghi denominati Ojos (occhi) raggiungibili tramite ripide scalinate costruite tra le stalattiti. La visita risulta piacevole, ed è possibile, pagando un piccolo extra, attraversare uno di questi laghi tramite una piccola piattaforma galleggiante tirata a mano dal conducente grazie a delle corde che collegano le due sponde.

Los Tres Ojos | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Los Tres Ojos | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Santo Domingo cura la natura al Jardìn Botànico Nacional

Il Jardìn Botànico Nacional non rappresenta solo un semplice parco che racchiude molte delle maggiori specie della fauna endemica, esso funge da vero e proprio centro culturale, dove gli abitanti di Santo Domingo città partecipano alle svariate manifestazioni legate alla natura ed al sociale.

Rivolgendosi al centro informazioni è possibile avere a disposizione una guida che vi dia informazioni dettagliate sulle varie specie presenti nel parco. Altra maniera di visitare il giardino botanico è grazie ad un trenino che effettua un percorso di 30 min.

Jardìn Botànico Nacional | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Jardìn Botànico Nacional | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Parque Zoologico Nacional: animali da vedere a Santo Domingo città

Santo Domingo ospita uno dei giardini zoologici più grandi di tutta l’america latina che recentemente ha subito degli interventi di ammodernamento per rendere la vita degli animali che vi risiedono migliore rispetto al passato. Il Parque Zoologico Nacional è un attrazione amata dai bambini e da vedere se avete qualche giorno da spendere in città. L’unica pecca risulta essere la posizione a ridosso di un quartiere poco raccomandabile.

Parque Zoologico Nacional | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Parque Zoologico Nacional | Santo Domingo (Repubblica Dominicana)



Chissà cosa direbbe Cristoforo Colombo se dovesse vedere oggi Santo Domingo. Di sicuro, da buon esploratore, andrebbe senza indugio alla ricerca delle informazioni necessarie per sapere quando andarecosa vedere e chissà che non si trovi a leggere anche lui questo articolo, annotandosi le bellezze della capitale della Repubblica Dominicana, per costruire un suo intinerario.

Segui Alfredo Cipullo:

Fin da bambino la geografia mi ha sempre affascinato e ad oggi definirmi amante dei viaggi sarebbe scontato e riduttivo. La fotografia invece è una passione incontrata in età adulta e che vorrei continuare a coltivare negli anni. Adoro cominciare a studiare un luogo partendo dalla sua mappa, immaginarmi un itinerario e fotografarlo mentalmente prima ancora di catturare le immagini con la mia reflex. D'altra parte come diceva un certo Walt Disney. "Se puoi sognarlo, puoi farlo"

Una Risposta

  1. Borut
    | Rispondi

    Saluti sarei interessato se posiede foto in formato più grande ( mega ) .

    Grazie saluti

Lascia una risposta