Tour in Thailandia – Diario di viaggio: le isole e la costa ad ovest

con 14 commenti

Ultimo capitolo del tour in Thailandia di tre settimane che dopo la prima parte (da Bangkok a Chumphon) ed il seguito tra le isole del golfo interno, ora cambia versante e va alla scoperta delle isole e della costa ad ovest bagnata dall’oceano indiano. La “trilogia Thailandese” si concluderà in paradisi terrestri come Koh Phi Phi e Railay solo per citarne alcuni.



Le isole e la costa ovest  – Ultimo capitolo del tour in Thailandia

Prima di tuffarci nuovamente a capofitto nel nostro tour in Thailandia di tre settimane è necessario precisare, per chi decida di affrontare questo itinerario nel mese di agosto, che le tappe potrebbero facilmente subire delle variazioni causa maltempo (sulla costa ovest della Thailandia in questo mese è di casa) di conseguenza è meglio mettere in preventivo una modifica “al volo” del tour in Thailandia adattandolo alle condizioni climatiche.



Tour in Thailandia: Diario di viaggio giorno 13

Il tredicesimo giorno del tour in Thailandia sarà una lunga giornata di trasferimento. Lasciamo Koh Samui per cambiare versante ed approdare sulla costa ovest chiamata costa delle andamane. Preparatevi quindi a molte ore di autobus ma posso garantirvi che ne varrà la pena perchè bellissime destinazioni verranno ed arricchiranno il nostro diario di viaggio.

L’unica formalità da sbrigare prima della partenza sarà quella di recarvi in una qualsiasi agenzia viaggi a Koh Samui per fare i biglietti destinazione Phang-Nga (da non confondere con Koh Phangan… mi raccomando)


Visualizzazione ingrandita della mappa

Giunti a Phang-Nga (partendo la mattina da Samui si arriva nel tardo pomeriggio) cerchiamo una sistemazione per la notte, Lonely Planet suggerisce il Phnag-Nga Inn. La cittadina non ha molto da offrire quindi meglio usare le ultime ore di questa giornata per rifocillarsi e recuperare le forze necessarie a proseguire per l’ultima settimana del tuour in Thailandia.



Tour in Thailandia: Diario di viaggio giorno 14

Sveglia di buon ora ed una colazione abbondante, oggi si scrive un’altra bella pagina del diario di viaggio con la visita al Parco Nazionale di Ao Phang-Nga. Per raggiungerlo potete recarvi al centro della cittadina di Phang-Nga, per una manciata di Baht troverete un mezzo pronto ad accompagnarvi direttamente agli uffici del parco nazionale.

Il parco è stato istituito nel 1981 ed è famoso per la sua origine carsica che ha reso possibile la formazione delle caratteristiche scogliere verticali che potrete ammirare durante tutta l’escursione. Gli altri luoghi di maggior interesse del parco sono le grotte e l’sola di James Bond, così chiamata in quanto qui furono girate alcune scene di un film della fortunata saga.

tour-in-thailandia-costa-ovest-phang-nga
Tour in Thailandia – La costa ovest | Phang Nga



L’escursione occuperà l’intera mattinata, le visite guidate infatti non durano più di 3 ore. La cosa migliore da fare è rientrare in hotel, farsi una doccia e riprendere il cammino verso la tappa successiva del tour in Thailandia. Rechiamoci alla stazione dei bus di Phang-Nga al centro della citta lungo Phetkasem Rd. e prendiamo una delle frequenti corse per Krabi (circa 1h, 30″), qui, come al solito cerchiamo la nostra sistemazione per la notte.



Tour in Thailandia: Diario di viaggio giorno 15

Questa nuova giornata del tour in Thailandia sarà all’insegna delle spiagge. A Krabi e dintorni infatti sono presenti molte bellissime baie considerate tra le più belle dell’intera costa ovest del paese.

Raggiungiamo il molo Khong Kha per prendere un un imbarcazione e dirigerci a Railay, una penisola poco a nord di Krabi raggiungibile unicamente via mare. Volendo è possibile anche contrattare per una long tail boat da noleggiare per l’intera giornata, spenderete qualcosina in più ma avrete uno skipper esclusivo che vi condurrà avunque vogliate e questa è la soluzione che suggerisco per poter scrutare tutte le fantastiche insenature della penisola.

tour thailandia costa ovest railay
Tour in Thailandia – La costa ovest | Railay



Railay non offre solo spiagge, se avete voglia di avventurarvi nell’entroterra potrete raggiungere per esempio un punto panoramico con vista mozzafiato, o ancora, una laguna sacra chiamata Sa Phra Nang (Laghetto sacro della principessa) e per concludere in bellezza la Grotta dei Diamanti detta Tham Phra Nang Nai  che contiene una serie di caverne con molte spettacolari formazioni calcaree.

tour-in-thailandia-costa-ovest-railay-
Tour in Thailandia – La costa ovest | Railay (Tham Phra Nang Nai)



Proprio grazie alle sue formazioni calcaree a picco sul mare Railay è anche una rinomata località per gli appassionati di arrampicata su roccia.

tour-in-thailandia-costa-ovest-railay
Tour in Thailandia – La costa ovest | Railay



Come avete letto ce n’è per tutti i gusti per trascorrere una giornata tra mare e attività varie ed una volta rientrati in hotel alla fine di questa giornata a Railay sarete sicuramente soddisfatti di questa ennesima tappa del tour in Thailandia.



Tour in Thailandia: Diario di viaggio giorno 16

Ennesima giornata del diario di viaggio in Thailandia ed ennesima pagina color del mare. La mattinata di questo sedicesimo giorno è di completo relax in una delle molte spiagge di Krabi (a voi la scelta). Ma prima dell’ultimo bagnetto passiamo da un’agenzia viaggi per organizzare il prossimo spostamento, che avverrà nel pomeriggio, verso la tappa successiva del tour in Thailandia: Koh Phi Phi.

tour-in-thailandia-costa-ovest-krabi
Tour in Thailandia – La costa ovest | Krabi



Se non siete provvisti di un mezzo proprio l’agenzia provvederà anche al trasporto dal centro cittadino di Krabi al molo da dove partiranno i traghetti per Koh Phi Phi, una meta incantevole della costa ovest della Thailandia.

Come spesso accade la giornata si chiude in un luogo differente da quello in cui abbiamo aperto gli occhi al mattino e alla ricerca di un letto, ma a questo punto del tour in Thailandia ormai non è più un problema… vero?



Tour in Thailandia: Diario di viaggio giorno 17

Nuova sveglia e nuova giornata pronta ad essere riempita di sole mare e paesaggi da cartolina. Siamo a Koh Phi Phi e nel menu odierno del tour in Thailandia come prima portata c’è una bella passeggiata lungo il sentiero che  ci porta al punto panoramico (viewpoint). La risalita non è delle più semplici ma anche in questo caso tutti i vostri sforzi verranno ripagati.

tour-thailandia-costa-ovest-Koh-Phi-Phi
Tour in Thailandia – La costa ovest | Koh Phi Phi



Scesi dal punto panoramico dobbiamo arricchire ulteriormente il diario di viaggio quindi rechiamoci sulla spiaggia principale di Phi Phi e prendiamo una long tail boat per un’altra incantevole spiaggia poco frequentata (non ne capisco il motivo data la sua bellezza ma meglio così): Lomodee beach. Concordiamo con l’uomo della barca l’orario per farci venire a prendere (fidatevi, non vi abbandoneranno ma per andare sul sicuro pagate sempre al ritorno). Sulla spiaggia è presente anche un piccolo centro ristoro e delle amache all’ombra delle palme in caso vogliate fare una pausa dal sole. Personalmente ho trovato questa spiaggia tra le più belle di tutto il tour in Thailandia e sicuramente tra quelle della costa ovest.

tour-thailandia-costa-ovest-Koh-Phi-Phi
Tour in Thailandia – La costa ovest | Koh Phi Phi Don



Tour in Thailandia: Diario di viaggio giorno 18

Diciottesimo giorno, la fine dell’avventura si avvicina ma ogni nuova giornata è una pagina bianca del diario di viaggio da riempire con con nuove emozioni. Oggi ci aspetta una bellissima escursione che per chi visita Koh Phi Phi è un classico.

Come di consueto rechiamoci sulla spiaggia delle long tail boat e contrattiamo il noleggio della barca per il tour di Phi Phi Leh + Bamboo Island (con un po’ di caparbietà riuscirete a strappare un prezzo molto minore a quello richiesto inizialmente).

La prima tappa di questa escursione è una spiaggetta chiamata Monkey Beach (ancora su Phi Phi Don) per via di una comunità di scimmie che la abita. I primati sono abituati alla presenza dell’uomo e si lasciano avvicinare volentieri soprattutto se avrete da offrirgli qualcosa da mangiare.

tour-thailandia-costa-ovest-Koh-Phi-Phi-monkey-beach
Tour in Thailandia – La costa ovest | Koh Phi Phi Don



Salutate le nostre simpatiche amichette si torna a bordo in direzione di Koh Phi Phi Leh che è il cuore dell’escursione di questa giornata del tour in Thailandia.

Il primo sito che ci verrà mostrato (senza scendere dall’imbarcazione) è una caverna non molto grande chiamata grotta dei pirati, giusto il tempo di qualche scatto fotografico e poi ci si dirige verso una baia più interna con un fondale di sabbia bianca che rende l’acqua color smeraldo. Qui getteremo l’ancora e potremmo passare un po’ di tempo tra una nuotata e un po’ di snorkeling.

Riparte il motore della long tail boat e veniamo accompagnati su un altro versante dell’isola, ora arriva un momento molto impegnativo di questo tour. La barca si fermerà a qualche metro dalla costa e ci toccherà preseguire a nuoto. Qui non c’è una spiaggia e la costa è rocciosa, la presenza di un piccolo molo dotato di scaletta ci permette però di accedere alla terraferma. Un paio di avvertenze: prima di tutto non prendete sottogamba la breve nuotata perchè la presenza di onde e delle correnti non la rendono per nulla agibile, inoltre vi consiglio di portare con voi un sacchetto con chiusura ermetica per riporvi  la macchina fotografica en un asciugamano.

Giunti faticosamente al molo seguiamo un breve sentiero attraverso una piccola giungla e poco dopo ci troveremo a Maya Bay, la famosa spiaggia del film The Beach con Leonardo di Caprio. Qui sostiamo un po’ mentre la nostra barchetta ci aspetta ancorata tra le onde.

tour-in-thailandia-costa-ovest-Koh-Phi-Phi-maya-bay
Tour in Thailandia – La costa ovest | Koh Phi Phi Leh (Maya Bay)

Lasciamo “La Spiaggia” e riaffrontiamo l’impegnativa nuotata  per tornare a bordo della nostra long tail e prendere il largo verso una nuova isoletta a largo di Ko Phi Phi Leh: Bamboo Island. Qui dovremo pagare una tassa di accesso, un contributo a mantenere l’ambiente incontaminato. L’isola è piccola ma vi sconsiglio di provare a percorrerne il perimetro in quanto vi troverete ad affrontare delle scogliere quasi a picco sul mare.

tour-thailandia-costa-ovest-bamboo-island
Tour in Thailandia – La costa ovest | Bamboo Island



Con la visita a Bamboo Island termina l’escursione e torniamo a Phi Phi Don per una doccia e la cena, prima però passiamo da un’agenzia viaggi a comprare il biglietto del traghetto per Phuket, domani si riparte e il nostro tour in Thailandia non smette mai di entusiasmarci.

► VISITA la galleria fotografica di Koh Phi Phi.



Tour in Thailandia: Diario di viaggio giorno 19

Mattinata dedicata allo spostamento in traghetto da Koh Phi Phi a Phuket, l’unico consiglio che vi do è quello di non fare colazione, il mare qui potrebbe essere molto agitato.

Giunti a destinazione prendiamo dei moto-taxi e facciamoci accompagnare a Phuket Town, una volta trovato l’hotel dove alloggiare possiamo noleggiare uno scooter per girare la cittadina. Prima però c’è una importantissima faccenda da sbrigare: prenotare il volo interno per Bangkok (consiglio vivamente la Bangkok Airways). Eh già… questi sono gli ultimi due giorni del tour in Thailandia e dobbiamo pensare al rientro.

Ora possiamo addentrarci tra le strade di Phuket Town, con il nostro mezzo. La cittadina in realtà non ha grossi monumenti ed attrazioni quindi la cosa migliore da fare è girare senza meta e senza tempo fermandosi qui e la tra i vari mercati per apprezzarne la vivacità oppure visitando qualche tempio.

tour-in-thailandia-costa-ovest-phuket-town
Tour in Thailandia – La costa ovest | Phuket Town



Dopo tanto mare vi sembrerà surreale ritrovarvi a percorrere strade trafficate ma il nostro tour in Thailandia è anche un mix di situazioni agli antipodi.



Tour in Thailandia: Diario di viaggio giorno 20

Sveglia un po’ malinconica per l’ultima giornata del diario di viaggio, oggi lasciamo non solo Phuket e la costa ovest ma tutta la Thailandia. Ipotizzandoil volo in serata da Bangkok per il rientro in Italia ed di conseguenza il volo interno Phuket-Bangkok nel primo pomeriggio, abbiamo la classica mattinata per un ultimo giretto giusto per comprare qualche souvenirs. Rientrati in hotel facciamo chiamare un taxi per la corsa veso l’aeroporto, qui dopo tantissime avventure si conclude il tour in Thailandia.

Segui Alfredo Cipullo:

Fin da bambino la geografia mi ha sempre affascinato e ad oggi definirmi amante dei viaggi sarebbe scontato e riduttivo. La fotografia invece è una passione incontrata in età adulta e che vorrei continuare a coltivare negli anni. Adoro cominciare a studiare un luogo partendo dalla sua mappa, immaginarmi un itinerario e fotografarlo mentalmente prima ancora di catturare le immagini con la mia reflex. D'altra parte come diceva un certo Walt Disney. "Se puoi sognarlo, puoi farlo"

14 Risposte

  1. Lorenzo
    | Rispondi

    veramente un’ottimo racconto io conto di andare in thailandia a fine novembr einizo dicembre, volevo chiederti una cosa, per tutto questo tour quanto hai speso più o meno? senza contare l’aereo dall’italia a bangkok…
    Grazie mille

  2. daniele
    | Rispondi

    davvero molto utile come guida!!!!
    io e i miei amici vorremmo provare questa avventura!
    cosa ci consigli riguardo alla prenotazione di voli(interni) e alberghi ?
    come ci dobbiamo comportare, prenotare tutto dall ‘italia o anche sul posto è semplice ?
    grazie mille per la risposta

    • Alfredo
      | Rispondi

      Ciao Daniele,
      il mio consiglio è quello di prenotare dall’italia solo il volo A/R per il vostro tour in Thailandia e magari l’hotel per le prime notti (probabilmente a Bangkok) così da riprendersi dal viaggio senza dover aggiungere lo stress della ricerca di una camera. Per il resto dipende anche da quante persone sarete, generalmente si trovano camere senza problemi anche senza prenotazioni ma se sarete in molti magari vi capiterà di non trovare posto tutti assieme nella stessa struttura ed in questo caso allora meglio prenotare da qui amenochè non siate disposti a separarvi per la notte.
      Per i voli interni alla Thailandia (ho linkato il mio articolo sulle compagnie aeree della Thailandia) ti posso dire che io ho volato con Bangkok Airways e mi son trovato davvero molto bene.
      Se ti serve sapere altro… sono qui

  3. nello
    | Rispondi

    Ciao Alfredo… Davvero un ottimo Racconto pieno di informazioni. Volevo chiederti solo un informazione forse la più brutta tra tutte…Ma quanto ti è venuto a costare ttuo escluso il volo ita-bkk. Grazie

    • Alfredo
      | Rispondi

      Ciao Nello,
      innanzitutto grazie per i complimenti. Per quanto riguarda la spesa del viaggio dipende molto dal tuo budget. In Thailandia puoi spendere dai 20€ per una doppia in sistemazione economica ma confortevole (quindi 10 a persona viaggiando in 2) fino a quanto vuoi tu per dormire in hotel/resort di lusso. Stesso discorso per mangiare, si va da una manciata di € se ci si affida ai baracchini per strada e da li a salire (la mia massima spesa è stata 30€ per mangiare pesce a volontà). Indicativamente, con 1000€ ti fai 3 settimane di tutto rispetto (compresi spostamenti interni via nave/bus e massaggi) magari risparmiando in alcune località per spendere di più in altre a maggiore vocazione turistica e quindi tendenzialmente un po’ più care.

      • Suzee
        | Rispondi

        Ciao Alfredo, il tuo racconto mi ha effettivamente dato una marcia in piu’nell organizzazione del mio viaggio che sara’ dal 25 aprile al 19 maggio.Il meteo mi preoccupa un po’in quanto pare inizia la stagione delle piogge.quindi dovrei organizzarmi in funzione del tempo??.riguardo il full moon party..avra’ luogo il 14 di maggio quindi dovrei cambiare un po’ di cose.ma il tuo racconto e’ un ottimo spunto.le 1000 euro di cui parli sono a persona??grazie

        • Alfredo
          | Rispondi

          Ciao, effettivamente maggio è un mese un po’ “a rischio” ma potrebbe fartti vivere comunque un’esperienza molto Thai da questo punto di vista. Mettiamola così, se pensando alla Thailandia ciò che ti viene in mente sono spiagge da sogno, allora potresti rimanere un po’ delusa se il tuo viaggio sarà accompagnato dal maltempo perchè senza il sole i colori si spengono ed una spiaggia fantastica diventa un “senza infamia e senza lode”. Magari potresti concentrare il tuo viaggio più nell’entroterra e tenere sempre un k-way a portata di mano. Peri i 1000€ si, sono da intendersi a persona. Ti auguro un buon viaggio 😉

  4. Jonathan
    | Rispondi

    Salve Alfredo, complimenti per il tuo blog… i miei complimenti!!
    siamo 2 coppie che da 7 al 23 di novembre avranno l’immenso piacere di visitare la Thailandia.
    Ci potresti gentilmente consigliare un posto a Bangkok? vorremmo rimanerci 3/4 gg max e poi scendere giù verso Phuket, phi phi Island(turistica ma almeno un giro ce lo vorremmo fare) , Krabi etc… per poi ritornare a bangkok per 2 gg di relax e shopping di souvenirs..

    grazie mille

    John

    p.s. si accettano consigli.

    • Alfredo
      | Rispondi

      Ciao John, grazie per i complimenti. A Bangkok mi sono fermato 2 notti ed ho dormito al Bayioke Sky Hotel. Mi sono trovato molto bene e mi sento di poterlo consigliare.

  5. Valentina
    | Rispondi

    Buonasera!
    Vorrei chiedere con gentilezza un consiglio. Mi recherò in Thailandia verso fine luglio – inizio agosto (2015), vorrei fare qualche giorno al mare…ho capito che la zona più consigliata in quel periodo è il golfo della thailandia…sapete consigliarmi qualche posto poco turistico e affollato?
    …spesso nei siti sento parlare di Ko Phayam …cosa mi consiglia? è uno dei posti meno indicati in quel periodo, vero?
    …ci sono delle isole “poco turistiche” di sua conoscenza nella zona del Mare delle Andamene, “praticabili” ad agosto?

    Grazie mille di tutto!

    • Alfredo
      | Rispondi

      Salve Valentina, purtroppo non sono stato a Ko Phayam ma dalle ricerche che ho fatto sembra un’isola non ancora troppo sfruttata dal turismo di massa. Ho trovato anche questo interessante articolo. Come dico sempre non c’è mai una matematica certezza sulle condizioni climatiche ma la probabilità di maltempo da quelle parti è sicuramente molto più alta rispetto alle isole del golfo della Thailandia. Qui ti consiglio Koh Tao dove si riesce ancora a trovare un buon compromesso tra relax puro e divertimento.
      Se posso esserle ancora d’aiuto sa dove trovarmi 🙂

  6. Eleonora
    | Rispondi

    Buonasera Alfredo!
    Prima di tutto complimenti per il blog, una guida molto utile! Io andrò in Thailandia a marzo, ho a disposizione 12 giorni effettivi. I primi li ho già adibiti per Chiang Mai e Bangkok, gli altri li vorrei fare sulle isole, ma avendo poco tempo devo valutare bene dove andare. Visto la tua esperienza, secondo te è meglio il golfo o la costa ovest? Vorrei qualcosa di un po’ meno turistico e un po’ più di nicchia… Grazie mille!

    • Alfredo Cipullo
      | Rispondi

      Ciao Eleonora, grazie mille per i complimenti. In base a quella che è stata la mia esperienza di viaggio in Thailandia mi sentirei di sconsigliarti le isole più turistiche come Koh Samui, Koh Phangan, koh Phi Phi, e soprattutto Phukèt. Golfo o costa ovest? climaticamente non fa molta differenza perchè a marzo si è ancora nella stagione secca quindi non ci dovrebbero essere problemi. Se quello che cerchi è un piccolo angolo di pace posso consigliarti Koh Tao dove sono stato oppure, ma qui vado per quanto letto da altri blog, puoi puntare su Koh Kut nell’arcipelago di ko Chang oppure koh Lanta (ti ho linkato la posizione delle isole così puoi scegliete quella che preferisci).
      Qualunque sia la tua scelta… Happy travelling 😉

      • Eleonora
        | Rispondi

        Grazie infinite!!

Lascia una risposta